Details

Per on 2014-02-05 / Categoria: Domande e Risposte, Video /

Se questa è la tua situazione: Ti chiedi, “Come posso mai essere salvato? Sto cercando di credere abbastanza e di pentirmi abbastanza ma non funziona, non sento alcun cambiamento.” – Allora per favore guarda questo video.

———

Domanda: Sto cercando di pentirmi e credere abbastanza, ma non sono salvato. Cosa è che è sbagliato? “Sento come se abbia provato tutto, ma non riesco a comprendere il vostro video sul ravvedimento biblico.”

Non so se voi ragazzi l’avete visto, ma in quel video io parlo in pratica del vero ravvedimento. E lì affermo, che non è certamente un qualche lavoro di pre-conversione, con il quale cerchiamo di riformare la nostra vita, come se si volesse arrivare ad un punto in cui Dio ci accetterà. Questo non va.

E così tante persone rimangono ossessionati riguardo al loro pentimento. “Mi sto pentendo abbastanza?” “Sto credendo abbastanza?” E stanno costantemente guardando dentro di sè, invece che guardare a Cristo. Ed io insisto su questo.

E lei dice: “Se è così allora osa odbbiamo fare invece? Come posso essere mai salvato? Sto cercando di credere abbastanza e di pentirmi abbastanza ma non funziona, non sento alcun cambiamento.” Cosa farò?”

Ribadisco quello che ho appena detto. MA vorrei dire ad Amanda, se qualcuno giunge al punto di ammettere questo, e cioè, “Sto cercando di credere abbastanza e di pentirmi abbastanza,” Voglio dirvi, vi parlerò in modo molto diretto, il Signore non ha mai, mai, e poi mai detto di affidarvi ai vostri propri sforzi che non hanno nessuna forza per cercare di credere e di pentirvi. Mai!

Perchè l’intera idea del ravvedimento è proprio quella di rinunciare a tutti i propri sforzi, abbandonare ogni nostro tentativo di fare questo, e perfino i nostri tentativi di credere, i nostri propri tentativi di pentirsi. Bisogna invece diventare dei mendicanti senza nessuna confidenza in sè. Venire totalmente senza forze, senza abilità, e semplicemente cadere ai piedi di Cristo per essere aiutati. Non è cercare qualche forza o capacità in noi. E’ guardare all’aiuto che viene soltanto per mezzo di Gesù Cristo.

E questa ragazza, Amanda, quello che sta facendo è che sta confidando in sè stessa. Ogni volta che, e questo è sicuro, ogni volta che cercate di mettere in campo un tentativo di credere abbastanza e di pentirvi abbastanza, ti dirò Amanda, e forse non ti piacerà ciò che sto per dire, ma il tuo problema è l’orgoglio, il tuo problema è che tu sei bloccata in te stessa. Il tuo problema è che confidi in te stessa, il tuo problema è che cerchi la tua giustizia. Stai cercando di renderti presentabile a Dio. stai cercando di fare qualcosa e di farlo accadere nel tuo cuore, in modo che Dio dica: “Okay, adesso ti accetterò.” Ma questo è proprio ciò di cui tu devi pentirti! Questo è esattamente ciò da cui ti devi allontanare.

Tu non hai niente da offrire a Dio! Non puoi cesellare questa cosa, non puoi lavorare sufficientemente su questa cosa in modo che Dio dica:, “Okay, Amanda, adesso vedo che sei arrivata… che sei arrivata al punto necessario.” E’ proprio quando si arriva a quel punto che… cosa fece Pietro quando si accorse che stava sprofondando in mare? Disse forse: “Oh, fammi credere abbastanza in modo che possa mantenermi su queste onde. Mi guarderò attorno e valuterò..”? No, sai cosa fece? “Signore, aiutami!” E’ tutto davvero in questo. E’ quando il peccatore arriva a comprendere, “Sto per affogare.”

Gente, sapete come è? Qualcuno di voi ragazzi è un nuotatore? Io nuotavo molto quando ero un ragazzo. E a volte andavo a nuotare anche molto a largo. nel risucchio, al Lago Michigan, ci mettevamo a nuotare lì e attraversavamo quasi tutto il lago, e a volte stavamo a uotare per ore ed ore. Arrivavamo al punto in cui dovevamo confrontarci con la totale mancanza di forze.

Vi dico questo, fino a quando pensavi di avere qualche capacità di raggiungere il fianco del lago o ritornare alla spiaggia, non ti mettevi a gridare per avere aiuto. E sai perchè? Perchè sarebbe stato imbarazzante. Gli altri potrebbero pensare che tu sei debole, giusto? “Ahhh, stai gridando aiuto!” sapete: “Che cos’è che fai?” “Non hai abbastanza forza da farti tornare a riva? Cosa sei, un incapace?” No, e finchè avevi qualche orgoglio riguardo a te stesso, e una qualche fiducia ancora nelle tue proprie abilità, non gridavi aiuto.

Sai chi grida aiuto? La persona che improvvisamente diventa consapevole, “Non ho più nessuna forza in me. Non posso tenermi a galla. Sto affondando.” Allora gridi per essere aiutato, quando sai: “Non ce la farò.”

Sapete, così tante persone, così tanti dicono… sapete, l’ho sentito proprio l’altro giorno alla partita di basket di mio figlio. Il ragazzo che stava dando la testimonianza disse che lui era arrivato alla fine di sè stess. Sapete quanti Cristiani mi hanno detto, “Dio mi ha salvato, quando sono arrivato alla fine di me stesso”? Certo, è allora che ti ha salvato! Perchè quando arrivi alla fine di te stesso, è quando non cercherai di fare più niente, perchè sei rimasto senza carburante.

Sei arrivato al punto che stai affondando. “Signore, aiutami! Se Tu non mi aiuti proprio adesso, sono finito. Sono inghiottito. Sono morto.” Ed è allora che Egli si affretta a salvarvi.

Amanda, tu non sei giunta ancora alla fine del barile. Hai ancora troppa confidenza in te stessa. Ecco perchè non sei ancora salvata. Devi essere come Pietro, “Signore, aiutami!”

Questo è quello che Connie disse. Lo ricordo bene, perchè ero lì. Disse: questo è tutto ciò che venne da me, “Signore aiutami!” E Lui lo fece. Mi ha salvato così.

 

Contenuti Simili